Home - Hotel/Campeggi/B&B - Ristoranti/Pizzerie - Locali - Contatti - Mappa - Privacy
Come Registrarsi
latina - sabaudia - terracina - san felice circeo - ponza - ventotene - sperlonga - gaeta - sermoneta - lenola - fondi - itri - norma - bassiano - campo di mele - sonnino
powered by www.hmts.it

Web
Riviera di Circe



home \ articoli Trekking \ S. Felice Circeo - Trekking: da San Felice Circeo al Riparo Blanc
S. Felice Circeo - Trekking: da San Felice Circeo al Riparo Blanc



Uno dei percorsi di trekking più suggestivi ed affascinanti da fare è quello sul versante meridionale del Circeo, la zona più selvaggia del Parco e di tutte le coste del Lazio.

Allora sei pronto?

Si parte dal borgo antico di San Felice Circeo, situato a circa (98m), poi segui le indicazioni per Punta Rossa ed il Faro: località il cui nome è rinomato in tutto il Lazio per la loro bellezza naturale.
Fai un tratto nella Lecceta e poi prosegui su un percorso a mezza costa, che ti porterà ad affacciarti sul versante del Circeo cosiddetto "Quarto Caldo", perchè esposto a sud.

Supera il bivio (c'e' un bel cartello!) per la Grotta delle Capre, si raggiunge il Faro. Troverai una salita, ai piedi di una parete rocciosa, che ti consente di aggirare Torre Cervia. Superato l'Hotel Punta Rossa, la strada diventa sterrata ed entra in una zona privata.

Una salita porta a Via della Vasca Moresca, che dovrai seguire per pochi metri a sinistra, fino ad arrivare un bivio (30m, 4,6 km da San Felice Circeo).

Verso l'alto si vedono la vetta del Circeo e la sommità del precipizio.

Si prosegue e finalmente troverai una sterrata pianeggiante. Supera un muretto e lo scheletro di un caseggiato abusivo. Scendi verso la costa, superando due scavi destinati ad accogliere altri villini.

Accanto ad un grande ginepro, si piega a destra per un sentierino pianeggiante, si scende per boccette e si arriva al Riparo Blanc, strapiombo calcareo utilizzato da una comunità di cacciatori e pescatori del Mesolitico e affiancato da palme nane. Il nome Blanc è del famoso archeologo che in queste terre fece diverse scoperte archeologiche.

Il sentierino prosegue a mezza costa per un pendio roccioso cosparsi di palme nane, aggira la Cala della cava di Alabastro, poi sale ad un piccolo promontorio da cui si può scendere verso la Grotta Barbara.

E a questo punto sei alla fine del percorso. Orientativamente, tra uno sguardo di qua ed un riposino di là, impiegherai circa 30-45 minuti...

E facci sapere come è andata!




____________________________________________________

   
 
 
   

____________________________________________________







powered by www.hmts.it



Parliamoci GRATIS, clicca sul pulsante Verde VOIP, la chiamata è GRATUITA...!









______________________________________________________________
MSN Search
______________________________________________________________     


visita il nuovo sito web www.realizzazione-siti-web-roma.com